Largo Edilizia, 4 - 67057 Pescina (AQ) - Via Don Giovanni Minzoni, 5 - 67051 Avezzano (AQ) - Viale delle Milizie, n.9 - 00192 Roma (RM)

Psicoterapia ad hoc (sviluppi innovativi della psicoterapia cognitivo comportamentale standard)

Approcci di terza generazione

L'interesse per l'aggiornamento professionale mi ha condotto ad approfondire conoscenze e competenze cliniche specifiche, relativamente ai più moderni approcci teorico - operativi nel panorama internazionale della CBT. In particolare, sono adottate efficaci e validate metodiche di osservazione, approfondimento e concettualizzazione dei fenomeni clinici e procedure di intervento efficaci ed immediatamente utilizzabili, attingendo ai contributi attuali più accreditati e validati dell' Acceptance and Commitment Therapy (ACT) di Hayes, della Mindfulness-Based Cognitive Therapy (MBCT), della Mindfulness-Based stress Reduction (MBSR) di Segal, Williams, & Teasdale e dello Schema Therapy (ST) di Young.

La cosiddetta "terza generazione" della CBT aggiunge, infatti, ulteriori potenzialità teoriche e tecniche focalizzandosi sulla modifica non tanto dei pensieri disfunzionali, quanto della loro funzione e della relazione dell’individuo con questi, attraverso strategie quali mindfulness, accettazione o defusione cognitiva (Teasdale, 2003). In particolare, i punti focali delle psicoterapie di terza generazione riguardano:

  • La relazione con le proprie esperienze interne, poiché spesso gli esseri umani tendono ad identificarsi con i propri pensieri e la proprie emozioni trasformandoli in fatti concreti, il che conduce inevitabilmente al desiderio che quelle stesse esperienze interne siano un qualcosa di diverso da quello che in realtà sono.
  • L’evitamento esperienziale, la cui conseguenza è l’adozione di strategie cognitive e comportamentali volte a cambiare la forma o la frequenza di queste esperienze interne
  • Il restringimento del repertorio comportamentale spesso automatico e inconsapevole che porta a non impegnarsi in azioni finalizzate a perseguire i valori e gli obiettivi personali.

Le terapie cognitive di terza generazione identificano così nell’accettazione e nella pratica della mindfulness le strategie d’elezione per operare il cambiamento e implementare il benessere psicologico.

La Mindfulness-Based Cognitive Therapy consente:

  • il Decentramento, disidentificazione, defusione (miglioramento del livello di insight ed egodistonia) (Shapiro et al., 2006; Segal et al., 2002)
  • l' Auto regolazione dell’attenzione (sviluppo di una capacità di osservazione consapevole) (Zilowska et al., 2007; Bishop et. al, 2004)
  • lo Sviluppo metacognitivo (non dare significato alle cognizioni intrusive e all’esperienza percettiva) (Baer, 2003)
  • la Capacità di accettazione e auto-validazione degli stati interni disagevoli (modalità non reattiva di risposta agli stimoli - rituali)

Inoltre, consente di prevenire l’inutile attivazione del Sistema Protettivo e favorisce una più stabile attivazione del Sistema Calmante in situazioni innocue  e di favorire o sviluppo del sentimento di fiducia (Didonna, 2009)

Schema Therapy

La SCHEMA THERAPY è altamente efficace nel trattamento dei disturbi di personalità e di disturbi psicologici cronici o difficili da trattare. Essa integra, oltre la CBT, diversi approcci psicoterapeutici quali la Gestalt, l’analisi transazionale, l’ipnoterapia e concetti della teoria dell’attaccamento e delle scuole psicodinamiche, offrendo un concetto esplicativo molto chiaro e in sé consistente e un approccio di trattamento facilmente applicabile.

La Schema Therapy mira a individuare con il Paziente i propri schemi e modalità disfunzionali e le loro origini nell’infanzia, a riconoscerne gli effetti nella vita e a trovare attivamente modalità funzionali per smantellarli. Per fare questo utilizza tecniche cognitive, comportamentali e di attivazione emotiva adattate e calibrate alla ST o create proprio per la ST. 

Un ruolo centrale nel processo terapeutico è da individuare nella particolare impostazione della relazione terapeutica che punta, in modo esplicito e nei limiti del possibile, a soddisfare i bisogni del Paziente, non colti nell'infanzia, in termini di una “limited reparenting".

Ambiti di applicazione

  • Disturbi di personalità
  • Disturbi depressivi cronici
  • Disturbi alimentari
  • Problemi di coppia
  • Difficoltà nel mantenere relazioni intime soddisfacenti
  • Problemi di antisocialità
  • Prevenzione delle ricadute nei disturbi da abuso di sostanze
Info e Privacy

P.I. 01997500663

Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo col n. 2192 dal 16/02/2013

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

© 2021 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Maria Rosita Cecilia
© 2021. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.